Scala delle difficoltà escursionistiche

"Scala delle difficoltà escursionistiche ”

Normalmente, nelle guide o nelle cartine escursionistiche, ogni itinerario viene classificato in base ad una scala di difficoltà, analoga concettualmente a quelle in uso per l'alpinismo o l'arrampicata, che riassume brevemente le caratteristiche di un percorso.
Non esiste una scala riconosciuta internazionalmente, ed ogni paese ha le sue convenzioni in merito.

Riteniamo che la scala così limitata e utilizzata in Italia non renda l'idea , in particolare all'escursionista meno esperto, delle difficoltà che dovrà affrontare sul percorso.
Cosi abbiamo pensato di integrare questa scala con una ulteriore informazione composta da asterischi * (da 1 fino a 3) aggiunti alla lettera E che secondo questa scala ha questo significato (E)link

Legenda difficoltà percorsi
Tutti i nostri percorsi sono di tipo Escursionistico e presentano difficoltà tecniche oggettive affrontabili da un escursionista medio.
Il grado di difficoltà delle escursioni è quindi relativo allo sforzo richiesto, aumenta con l'aumentare delle distanze chilometriche e dei dislivelli da compiere.

E* : Facile (alla portata di ogni persona in normale stato di salute, con la voglia di scoprire )

E** : Medio (per chi è abituato a fare un minimo di attività fisica o cammina anche saltuariamente)

E*** : Medio/Impegnativo (è necessaria una frequentazione della montagna e la pratica di attività fisica, ma col giusto approccio i percorsi sono alla portata degli escursionisti medi che compiono abitualmente escursioni o trekking in Appennino)
© 2011-2013 Guide Turismo Natura